Seguici su Facebook    Seguici su YouTube

Corsi avanzati

Man mano che si procede nello studio della musica, è bene abituarsi ad allargare lo sguardo.

In tante lingue europee “giocare” e “suonare” si indicano con la stessa parola (to play, in inglese; jouer, in francese; spielen, in tedesco). Ma qualsiasi gioco possiede delle regole ben precise, che vanno apprese; e richiede un esercizio, un tirocinio, uno “studio” che comporta anche fatica ed impegno.

E’ ancora un gioco (è sempre un gioco), ma bisogna conquistare abilità sempre più avanzate se vogliamo continuare a divertirci, se non vogliamo stancarci e “perdere la passione”.
In questa fase lo studio deve diventare più formale, bisogna incominciare a curare non soltanto il “fare” ma anche il “capire”, bisogna allargare le nostre conoscenze e la nostra pratica anche a generi musicali diversi, che ancora non conosciamo.

In questa fase dello studio, da un lato l'impegno sullo strumento incomincia a diventare più importante; dall'altro si incomincia a capire che lo strumento non è tutto: prima viene la musica, in tutte le sue forme, e poi lo strumento, come una "specializzazione".

Alla lezione individuale, sullo strumento, si affianca un corso collettivo di "Formazione musicale generale": si esercita la lettura, ma anche l'improvvisazione; si studia la teoria della musica, prima nei suoi aspetti grammaticali di base, poi affrontando i princìpi dell'armonia e della "composizione"; si esercita l'orecchio, affinando le proprie capacità percettive e di "comprensione all'ascolto"; si incomincia a parlare di "storia", scoprendo le tappe principali dell'evoluzione nel tempo del linguaggio dei suoni.

E' la teoria, che viene solo dopo la pratica, e che inevitabilmente riporta a quella. Ed è proprio per questo che che non risulta arida e noiosa, e gli studenti capiscono che si tratta di un momento indispensabile per la loro crescita musicale.

Ed è sempre in questa fase che si incomincia a suonare insieme agli altri: non più da soli con il proprio insegnante, ma sfruttando tutte le occasioni per suonare e cantare in duo, in trio, sino a formare quando ci si riesce una vera e propria orchestra.